SOUL MUSIC -

DAL LATO OPPOSTO

27 GIUGNO | ORE 21.30

Arena Estiva del Teatro al Parco

per adulti

ingresso 5 € ridotto 3 € 

di e con Oscar De Summa

progetto luci e scene Matteo Gozzi
realizzazione scene Maurizio Tell
arrangiamenti musicali Davide Fasulo
produzione La Corte Ospitale

www.corteospitale.org

Soul è la storia della formazione di un gruppo di musica soul nella Puglia degli anni ‘90.
 

Abbiamo da poco superato quel maledetto decennio così edonistico da dissipare i valori della nostra cultura contadina, che non si è preoccupato di instaurare punti di riferimento per le nuove leve che si ritrovano a seguire, in assenza di altro, ciò che il mercato offre. In modo totalmente intuitivo un gruppo di ragazzi, al centro del nuovo racconto di Oscar De Summa, rifiuta l’andamento del flusso di massa che ha reso tutto “commerciale” - dal vestiario alla musica, dalle letture alle abitudini giovanili - per andare controtendenza, nella direzione opposta, alla ricerca non del nuovo, ma del vecchio consolidato, della tradizione che va scomparendo, scavando tra le leggende di quei cantanti così mitici che hanno posto le basi di tutta la musica rock che si svilupperà negli anni a seguire.
Il problema della band sarà quello di trovare un cantante adeguato. Trovata la voce giusta, ben presto i ragazzi si rendono conto che, a discapito dell’affidabilità di questa voce nel momento in cui si esprime, come persona risulta totalmente inaffidabile, sempre in lotta con se stessa e con il proprio demone interiore che non gli permette di vivere appieno la quotidianità e soprattutto le relazioni.

Nonostante questa inaffidabilità che frantuma tutte le regole della società e del quieto vivere, o meglio ancora della rassegnazione di tutta la sua generazione, questo “protagonista altro” fa vivere ai componenti della band momenti unici, in cui la speranza di un mondo migliore, la possibilità di realizzarlo attraverso un’azione concreta, diventa possibile, a portata di mano.
Anche se ognuno dei ragazzi della band dopo questa esperienza ritornerà alla propria vita, per lo più già segnata dai genitori, già definita a priori, in realtà ricorderanno questi momenti come quelli in cui si sono sentiti totalmente vivi. Per un momento, la passione che vivono, li ha resi liberi.

QUADRO DI Anna Anella Celentano

© INSOLITO FESTIVAL 2017. All Right Reserved

EDIZIONI PRECEDENTI - ARCHIVIO